associazione per il miglioramento ambientale di Castione
associazione per il miglioramento ambientale di Castione

Cari'i mè scvizzer tudesch...

I nostri rappresentanti Elvetici, " siamo in pochi ma ci siamo" se la sono svignata.

Bravo Ignazio, siamo veramente in pochi!!!

 

_________________

Lettera aperta di Ignazio Cassis

"Car'i mè
scvizzer tudesch..."
 

IGNAZIO CASSIS 

 


Som sctai l'ünic dal noss partìt a dàgh reson, a l'Antonio Hodgers, l'ecologista da Ginevra originari da l'Argentina. U vöreva che voi altri scvizzer tudesch a parlàsssuv un po' püssée 'l bon tudesch in televison. E l'ha fai 'sta proposta con un'iniziativa parlamentar a Berna. Segond mi u gà rason: va ben che per voi altri ul "schwiitzer tüüütsch" l'è ra lingua dal cöör - come l'a dii la pipidina Kathy Riklin da Zürig che la gà 'na ca' a Lügan. Però un zicch püssée da bon tudesch in d'ra television püblica, almen pai programmi divügaltiv e in di dibattit politic, u'g staress propri ben. Anca nüm e i scvizzer francés a'g capisaressom quaicoss!
I prim a mia vöré dàgh a trà i'è stai propi i sò - i francés - che il a scnobaat. Che i è pöö sempro anca i prim a reclamà. In tra da nüm ticinés l'è staia un po' come l'armata brancaleone: ul Rüscon al ghè nài adré all'Udc, che chi problemi chichinscî i ga'nterèssa mia. Ul Quadri, la Pantani e'l Regazz i s'è asctegnüüt, probabilment par mia tirà fö di gàbol. Ra Caröbi e 'l Romano invece i ghè nai adré. E'l Pelli al l'avress anca sostegnüüt, ma l'era via tütt ul di. E inscì ma son trovaa da par mì in dal mè partit: "solo contro tutti".
Ul Filippo Leutenegger, che l'è vegnüt grand a Roma, ma l'è denta in di giornài scvizzer tudesch, l'è rivàt scià 'me 'n fülmin tütt incazzaa e u m'a dii: "Alora a'v proibissom da parlaa ul dialètt ticinés anca ala vossa tele!". Segond mi l'a gnanca lengiüt cos'u vureva l'Hodgers, perché in da la so' proposta, da proibizion a gh'è propri un fic sécch. Comunque sia as vedeva ben che la roba la'g rügava denta. Tochiigh mia ul so "Züritüüütsch" perché alura a semm pü soci! Ma'l püssée bèll l'è staia la Kathy Ricklin che'n sostanza l'a dii che par voi altri da problemi ga n'è mia. E'g mancaress altro - am vegniva vöia da vosaàgh giò! L'e propri parché voi altri a véduv mia 'l problema, che ga vör un ginevrin dall'Argentina par spiegàval! Lassa pèrd - a ma sum dii - tant a vöruv mia capila. Però ul mè voto a gl'ho dài, anca se i mè i m'a vardaat adré maa.
Par carità, a disi mia che l'era 'l tema püssée important da la session. Però un zichinin da solidarietà a podaressuv anca fala vedé. Invece a sii domà bon a lavass la boca co la solita menàda da la "simpatia" che disuv da vegh pal Tesin e pai ticines. Che pöö quell che và 'nterèssa l'è da vegnì giò a ciapà 'l soo. Che nüm av disum bé mia da no, vegnii pür giò, ma feem ul piasé da regordass che la Svizzera l'è mia domà Zürig e Berna!
Comunque, fiöö, a sem metüü maa. Voltala e pirlala, a vehg in man ul bocin sii sempro voi altri, i scvizzer tudesch. E par sentiiv 'na magioranza a ghii da parlà 'l vos dialètt, perché se parluv 'l bon tudesch a diventuv 'na minoranza dala Germania... e chela roba chì, voi altri, la digerissuv mia. E l'ünica roba che nüm a podum fà par cüntà püssée, l'è da mandàv là tücc i noss giovin, par fagh imparà 'l tudesch e insegnàv a voi altri ul italian.
E fav capii che ga semm e che semm mia stüpid! "L'è che" am diseva l'altro dì un mè soci "l'è mia facil fagh tirà sü ul cüü dal cadregon ai noss giovin: i sta tropp ben in Tesin"! Ma magari un quaivün pussée al podaress fà quell che ian fai i genérazion indré, quii d'una volta...

  

 

Ho letto con molto interesse lo scritto del consigliere al Nazionale Ignazio Cassis sul tema dello Svizzero tedesco quale lingua da poter parlare anche in consessi pubblici.

 

Allora vi propongo un mio scritto in dialetto del mio paese, Sobrio, eccolo:

 

La lingui du cher par nui da Souri lè u ness dialett. Un di tanti in Tascin e anca in Leventini. Parchè alora mii parla in dialett da Souri che a podressum esprimis mei. I tudisch a voran obligam a capii ul se parlà e e voraressigan che tucc ul parlassan. Invece a ghé una lingui maesctre che lè chèle germanica che lè puscibil scrivili e che scpò leìscele e capili in tutt u mond. Sa vam inanz in chescte manère a sctrovum a pìu capiss e sem scià come qui dui storn che scparlavan su ma discevan robo diferente. Le mii divolt che voran dumà marcà la so superiorità, per lo meno in quantità dit scentt? O magari anca pensà che en i mei e che gan chèl senso da vessigh sora tucc? Sa vam inanz da chesctu pass anca chi in Tascin a dovressum parlà tucc u se propri dialett: a podum imaginas alora che babele e che confuscion a scvegnaressich a creass. Le be normal che bisegne trovà la manéere da capiss ma ancha da podei tigni la so parlada. Forzi lè un po’ come chi da nui che vorum dasctacass dai Tagliai e insisctum a parlà dumà dialett par mii fass te via un d’it lôu?

Lè mighi magari qunt’ scgà la buseche piene che scdascmanteghe un po’ tutt, scialza su la crescte e scrett da vessigh i mei?

Forzi gam dacc tropp gordo anca nui da Souri, gam vendutt, prei, ticc e magari anca la noso dignità. Un d’t nui la bèle dicc: a ghe piascutt talment tantu, ul tecc, che go facc un bon prezi, in scambi.”

 

Ecco come mi sarei espresso con un mio paesano, ma quando c’è un’altra persona volontariamente si passa al dialetto cantonale se non addirittura all’italiano. Non ci vuole mica tanto, no.

 Arnaldo Gianini