associazione per il miglioramento ambientale di Castione
associazione per il miglioramento ambientale di Castione

OFFICINE

AMICA

   IL COMITATO                                                                                                                                    Associazione per

                                                                                                                                                           il miglioramento ambientale

6532 Castione                                                                                                                              di Castione

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Imbaraz grand imbarazz

Le FFS stanno da mesi tenendo in ostaggio molte persone legate alle officine. Promesse, indecisioni e rinvii sono all’ordine del giorno in un caos apparente. Loro hanno già deciso ma tergiversano in attesa di un miracolo: che i ticinesi si taglino l’erba sotto i piedi da soli. Nel perverso gioco appartiene anche il luogo scelto per il futuro insediamento. Il nome più gettonato è Castione. La zona è la più adatta ad ospitare le Officine ma attualmente la meno facile da sfruttare per diversi seri motivi. Il più importante è la confusione pianificatoria della zona industriale ad ovest della ferrovia, figlia di una scellerata ma democratica decisione della popolazione che vedeva lo stadio come la panacea del posto. Tutto è bloccato da ricorsi al TRAM. Anche le FFS quindi dovranno sottostare, nonostante il potere loro conferito, alle regole del piano regolatore. In concomitanza con il tam-tam mediatico sull’officina corre parallelo uno studiato silenzio dell’autorità di Arbedo-Castione. In poche occasioni si è lasciata sfuggire brevi ma fumose frasi sull’argomento. Strano perché per lo stadio si era modificato in fretta e furia il piano regolatore per inchinarsi ai voleri del padrone Giulini che non prospettava ne posti di lavoro ne ricadute tecnologiche. Ora capita il contrario: di fronte a circa 200 posti di lavoro, investimenti per oltre 300 milioni di franchi e la costruzione di una struttura che promette scintille tecnologiche, il silenzio è volutamente totale. Nessun segnale che faccia capire ai cittadini che il Municipio, sindaco in testa, sia propenso a stendere il fatidico tappeto rosso alle FFS ritirando per esempio il ricorso al Consiglio di Stato.Forse perché il rifiuto all’aggregazione con la nuova città crea un tremendo imbarazzo a mostrarsi ufficialmente interessati alle Officine. Ciò dimostra quanto sia difficile per il Municipio sostenere che il Comune sia una “realtà in espansione” che però fatica a dialogare con gli altri in nome di “reali ed effettivi vantaggi” che non si avverano. Per l’ennesima volta siamo di fronte ad un pasticcio politico. Non si vuole l’aggregazione ma si sfrutta a piene mani i prodotti che la città potrebbe mettere a disposizione: prima lo stadio e adesso le officine. Stessa musica per gli aspetti finanziari che, con i contributi di livellamento, fanno apparire fasulli i conti in nero. Non si vuole l’aggregazione ma si mungono i cittadini che si sono aggregati.

Il comitato AMICA