associazione per il miglioramento ambientale di Castione
associazione per il miglioramento ambientale di Castione

MELANO INSEGNA

 

Nuova norma anti-bordelli

Melano, vietate le ‘Immissioni immateriali’ legate alla prostituzione

 

Dopo una lunga vertenza giudiziaria contro i locali a luci rosse che hanno affollato il borgo, il Comune di Melano ha deciso di sperimentare una nuova strada antipostriboli: una modifica delle norme di attuazione del Piano regolatore, approvata lunedì sera dal Consiglio comunale (un solo voto contrario), che considera moleste, e dunque sostanzialmente vietate, le «immissioni immateriali» provocate dall’esercizio della prostituzione.

 

Per ottenere lo scopo sono stati modificati diversi articoli delle Napr. Il nuovo capoverso 4 dell’articolo 9 chiarisce quali sono le attività non moleste (ammesse nel nucleo), poco moleste (ammesse nel resto del territorio comunale) e moleste (ammesse solo fuori zona edificabile, dunque in pratica vietate). «Moleste sono considerate le attività che generano ripercussioni notevoli (...). Le immissioni moleste possono essere di natura materiale (rumore, vibrazioni, esalazioni) ma anche di tipo immateriale. Sono considerate immissioni immateriali le ripercussioni che scaturiscono da attività sconvenienti, in quanto atte a turbare la sensibilità morale degli abitanti del luogo, a suscitare sensazioni sgradevoli o a impoverire la qualità di vita. In particolare sono considerate immissioni moleste, di natura materiale o immateriale, quelle derivanti dall’esercizio della prostituzione e dalle attività collaterali» .

«È una norma importante che ci dà qualche mezzo in più, in caso di problemi gravi» ci spiega il sindaco di Melano Daniele Maffei . La norma potrebbe venir applicata «soprattutto in luoghi dove vivono altre persone se i locali sono fonte di molestie» . Nel paese di Melano fino a qualche tempo fa c’erano ben 5 bordelli, fatto che aveva scatenato una petizione firmata da 420 abitanti. Dei due locali superstiti, il Calypso ha riaperto come bar, mentre alla Taverna dei Pini l’attività è continuata, come provato da una recente retata.