associazione per il miglioramento ambientale di Castione
associazione per il miglioramento ambientale di Castione

PREOCCUPAZIONI DELL'ASSOCIAZIONE "AMICA"

Nel Piano Direttore cantonale di recente pubblicazione, il comparto di Castione è inserito come generatore di grande traffico, in particolare per gli svincoli autostradali di Bellinzona Nord, e “crocevia” di collegamento della Riviera con la Mesolcina ed il bellinzonese, per gli insediamenti già esistenti, la stazione Tilo e la zona industriale. Castione richiede quindi specifica attenzione da parte delle autorità.

La pianificazione del territorio, gestita in modo poco sensato, ed in alcuni casi modificata ad arte ha consentito l’insediamento di centri commerciali generatori di traffico in zona residenziale. Oggi si stanno evidenziando parecchie difficoltà per una scarsa attenzione progettuale del passato.

In questi ultimi tempi si leggono sui quotidiani annunci di nuovi insediamenti commerciali; stazione ferroviaria Tilo, riapertura di cave per estrazione di inerti, locali di svago che lasciano adito a fondati dubbi sulla loro reale destinazione, discoteche che creano inquinamento fonico anche a notte inoltrata, bordelli che non danno certamente lustro al paese e altro ancora, cimiteri a cielo aperto di carcasse d’auto e da ultimo una reiterata domanda di scavo di inerti dopo una decisione negativa del Tribunale Federale, che causerà solo rumore e polvere.

Verificato nel modo in cui sono stati inseriti i primi centri commerciali, senza un minimo criterio pianificatore, qualsiasi persona che consulti il "Lessico della pianificazione del territorio" e verifichi quanto costruito, si renderà subito conto che non è stata osservata e presa in considerazione nessuna direttiva indicata in quest'ultimo.

L'associazione Amica ha preso conoscenza del rinnovo della licenza edilizia e della Variante di progetto del centro commerciale Lidl, per una superficie di vendita di circa 1200 mq in prossimità dello svincolo autostradale.

Gli ingressi commercio del supermercato Lidl, con entrata a ml 10 dalla rotonda posta su Via S. Gottardo e su Via Corogna (distributore Agip), non sono stati progettati, a nostro avviso, adeguatamente per il traffico e creeranno sicuramente; disagi e nuocendo alla futura Tilo. Approfondendo l’analisi del comparto di Castione , come é stato pianificato, ci si rende subito conto come presto si avranno le strade ingorgate su buona parte della giornata.

Va altresì rilevato l’infelice accesso al supermercato Aldi, su Via San Bernardino, semplicemente pericoloso e privo di ogni e qualsiasi sicurezza; non si è inserito nessun passaggio pedonale indispensabile per l’attraversamento della “tirata”.

Per l’insediamento del possibile stadio di calcio o altro con commerci, ci si aspetta un’impostazione di nuovi accessi direttamente dagli svincoli autostradali e a ovest della linea ferroviaria.

 

L’Associazione Amica, come pure tutta la popolazione di Castione, attende dalle Autorità una disposizione attenta e mirata per evitare gli errori lampanti già esistenti in altre regioni del Cantone, e applicare gli articoli di Legge esistenti per chi genera del traffico.

 

Visionando la fotografia di Castione dall’alto ci si rende subito conto dello “stato” che il paese é ridotto.

                                                               Il Presidente                                                                        La segretaria

                                                               Fabrizio Falconi                                                                 Graziella Gianini