associazione per il miglioramento ambientale di Castione
associazione per il miglioramento ambientale di Castione

OBBEDIENZA?

obbedienza

L'obbedienza come virtù consiste in una disposizione interiore abituale a conformare le proprie azioni a un ordine impartito dall'autorità considerata legittima; come atto è un comportamento umano di accettazione ed esecuzione di ciò che viene comandato

12 dic 2012 - 13:45 Ticino Libero



Stadio ACB e zona night, “la popolazione non è pronta a obbedire”

Sono state consegnate le firme dei due referendum contro lo stadio ACB e contro la zona a luci rosse, ora la parola passa alla popolazione

Verranno consegnati oggi pomeriggio alla cancelleria comunale di Arbedo-Castione i due referendum sul riassetto urbanistico di due zone di Castione, promossi dall’Associazione per il miglioramento ambientale di Castione (Amica). Il referendum contro le modifiche di Piano regolatore volte a permettere l’insediamento dello stadio dell’ACB ha raccolto oltre 660 firme, mentre quello sulla zona a luci rosse ha oltrepassato le 700 firme.

“In primo luogo siamo riusciti a restituire al popolo sovrano il suo diritto legittimo ad avere l’ultima parola su due aspetti di particolare importanza”, ci dice il capofila dei promotori dei due referendum, Arnaldo Gianini.

“Senza gli sforzi dell’associazione e di chi ci ha sostenuto, i messaggi non avrebbero trovato alcun ostacolo, né all’interno del Municipio né di fronte a un Consiglio comunale sottomesso alla volontà dell’esecutivo”, aggiunge Gianini, secondo cui “la popolazione non è però stata altrettanto pronta a obbedire senza porsi domande, anzi ha dimostrato un grande interesse ad approfondire i temi per cercare di comprendere quali fossero i reali obiettivi, quali le conseguenze per gli abitanti e il territorio, e quali gli interessi in gioco”.

L’Amica esprime grande soddisfazione per essere riuscita così a dar voce alla popolazione. “Il Municipio e Consiglio comunale rifiutato un’autentica consultazione sui contenuti dei messaggi, nonostante il nostro invito ad aderire al referendum per dimostrare che l’importanza dei temi trattati meritava un coinvolgimento anche decisionale dell’intera popolazione”, aggiunge Gianini.

Nel Comune bellinzonese si aprirà ora la battaglia fra favorevoli e contrari alle due modifiche di Piano regolatore. “Si tratterà di spiegare cosa significano in concreto i cambiamenti che i due messaggi vorrebbero apportare, ed esporre le nostre ragioni che ci spingono a rifiutarli entrambi”, spiega Gianini, che promette che “non ci limiteremo a dire di no, perché intendiamo anche proporre soluzioni alternative, meno costose e soprattutto veramente efficaci nel migliorare la vita di noi cittadini”.

Verosimilmente la votazione sarà indetta per il 3 marzo, in concomitanza con le votazioni federali.

Ticino

12 dic 2012 - 17:32 Ticino Libero



Il referendum fa paura, Giulini apre il portamonete

Contributo straordinario del presidente dell’ACB alle opere viarie presso la zona residenziale di Castione

Gabriele Giulini, presidente dell’AC Bellinzona e promotore dello stadio ‘Daiticino’ a Castione, ha deciso di partecipare, a titolo volontario e personale, alle opere viarie previste presso la zona residenziale di Castione soggette a contributi di miglioria attraverso un contributo straordinario di un milione di franchi.

“Il gesto testimonia un sentimento di riconoscenza verso il comune di Arbedo-Castione per il sostegno che l’autorità ha voluto esprimere al progetto promosso dalla ‘Daiticino’ approvando la variante di Piano regolatore che ne permetterà la realizzazione”, si può leggere in una nota.

La tempistica dell’annuncio di Giulini è però perlomeno sospetta: proprio oggi infatti l’associazione Amica ha consegnato le firme per il referendum sulla modifica di Piano regolatore in questione. Il presidente del club bellinzonese in questo modo cerca di mostrare le proprie buone intenzioni attraverso un investimento diretto negli interventi stradali previsti presso la zona ad est dei binari della ferrovia, “nonostante non vi sia relazione alcuna tra l’edificazione di tale struttura e i lavori, e con evidente alleggerimento degli oneri in capo ai contribuenti coinvolti”.